Il Conto Termico incentiva l’incremento dell’efficienza energetica per la produzione dell’energia termica da fonti rinnovabili, per impianti di piccoli dimensioni. E’ quindi possibile riqualificare i propri edifici per migliorare le prestazioni energetiche, riducendo i costi del consumo.

Chi sono i soggetti che possono richiedere gli incentivi del nuovo Conto Termico?

  • Le Pubbliche amministrazioni;
  • i soggetti privati:ossia persone fisiche, condomini, titolari di imprese o di reddito agrario.

Questi soggetti, chiamati “soggetti responsabili” per essere ammessi agli incentivi devono aver sostenuto spese per la realizzazione degli interventi ammessi nell’agevolazione e presentare la relativa domanda.

È previsto un iter semplificato per gli interventi riguardanti l’installazione di apparecchi di piccola taglia (per generatori fino a 35 kW e per sistemi solari fino a 50 m2) nel caso di installazione di componenti con caratteristiche garantite, che sono contenuti nel Catalogo degli apparecchi domestici, pubblicato e aggiornato periodicamente dal GSE.

Quali sono gli incentivi?

  • fino al 40% della spesa sugli interventi  di isolamento delle pareti e coperture, per la sostituzione di chiusure finestrate con altre più efficienti, per l’installazione di schermature solari, per la sostituzione dei corpi illuminanti, per l’installazione di tecnologie di building automation e per la sostituzione di caldaie tradizionali con caldaie a condensazione.
  • fino al 50% per gli interventi di isolamento termico nelle zone climatiche E/F e fino al 55% nel caso di isolamento termico e sostituzione delle chiusure finestrate, se abbinati ad altro impianto (caldaia a condensazione, pompe di calore, solare termico);
  • fino al 65% per la sostituzione di impianti tradizionali con impianti a pompe di calore, caldaie e apparecchi a biomassa, sistemi ibridi a pompe di calore e impianti solari termici.

 

Scopri le nostre Caldaie